Post

Reminiscenze etnobotaniche. Il cardo dei lanaioli

Immagine
  Dipsacus fullonum (cardo dei lanaioli) in fiore (luglio) con Zygaena filipendulae Nome scientifico: Dipsacus fullonum Famiglia: Dipsacaceae Genere: Dipsacus L. Nome comune: cardo dei lanaioli   Tra le cose ed i saperi che ho ereditato dalla mia mamma e dalla mia nonna paterna ci sono i cuscini di lana di pecora. Ogni tanto allargo la lana e la stendo al sole. L’estate scorsa l’ho rifatto. lavoro estivo - allargar la lana batuffoli di lana nonna (centro) e le sue amiche stessa casa stesse preparazioni Estate in Cilento. Stessa stagione, stessi lavori. Allarga, allarga e stendi al sole   La mia mamma era sarta. La mia nonna partena materassaia ed era molto conosciuta in Vallata e oltre... Ho saputo da anziane dei paesi limitrofi e donne del paese in Abruzzo -dove lei si é trasferita dopo aver sposato mio nonno, si usava così - che oltre a conoscere le erbe, si trasferiva nelle case delle giovani spose per tutto il tempo necessario per fare tutti i materassi che occorrevan

stregherie e altre storie ...

Immagine
  Quando arrivo in un luogo e mi ci fermo per un poco solitamente inizio a spulciare in internet, nei giornali locali, nelle locandine appese in giro per vedere se in zona accade qualcosa che potrebbe interessarmi. A novembre scorso scopro proprio così la mostra Stregherie, guardo il sito e appena possibile andiamo. Del resto da comasca (seppur, da anni luce, oriunda) la Villa Reale di Monza (ma forse anche Monza stessa) non le ho mai visitate.   E’ pomeriggio di una domenica di dicembre e arrivando nel giardino della Villa Reale incontriamo altre due coppie che poi rivediamo all’interno della mostra - allestita nel Belvedere, un bellissimo sottotetto con soffitto a vista in un’ala della Villa Reale. Le visitatrici più giovani sono vestite in lungo e di nero (gonnelloni, stivaletti, cappotti lunghi strettamente neri), occhi truccati di kajal nero, capelli neri lisci e lunghi. Le noto, tutto qui. Una si fa fotografare all’entrata dal compagno davanti al poster della mostra Streghe